Mamme Papà

Suoceri: conflitto o risorsa?

Suoceri: conflitto o risorsa?

Mentre con i genitori c’è il pericolo dell’eccessivo attaccamento, con i suoceri c’è il pericolo della non accoglienza o rifiuto. Infatti essi sono persone nuove da amare e far entrare nella propria vita, con tutto il bagaglio di pregi e difetti che hanno. Ogni coppia ha un grosso problema: decidere se i suoceri saranno dei “nemici” o degli amici. Comprendere la difficoltà oggettiva e i meccanismi spesso inconsci che regolano le relazioni è già un primo passo positivo. Se ci saranno difficoltà, queste non saranno dovute alla cattiveria specifica, ma a situazioni comuni in molte coppie. Ci sono delle difficoltà che un pò tutti devono affrontare e superare.

  1. La giovane coppia si renda conto che i suoceri di oggi sono un pò smarriti; per esempio le unioni più libere di oggi rispetto ai loro tempi. Essi sono custodi di cose preziose, ma non sanno come tramandarle.
  2. I suoceri si mettano nell’atteggiamento di comprendere con pazienza, sapendo che i giovani hanno un loro schema e hanno diritto di fare le loro scelte; siano testimoni dei propri valori in modo rispettoso e accettino con fiducia le diversità;
  3. Un buon rapporto con i suoceri aiuterà lo sposo-la sposa a migliorare il futuro rapporto con i tuoi figli. I suoceri “scacciati” o emarginati (pur con cento buone ragioni) faranno capire ai tuoi figli che ci sono cento buone ragioni (in futuro) per abbandonare te. Un buon rapporto (pur costato pazienza e sacrificio) è anche un buon esempio per i figli.
  4. Una strada per migliorare il rapporto è quella di “osservare” senza commentare. Probabilmente anche quelli che a noi sembrano difetti hanno, o hanno avuto, un senso in quella famiglia. Io posso cercare di combattere la tentazione di valutare, di dare voti; sospendere il giudizio. Facendo questo arrivo addirittura a scoprire le qualità, i talenti, le cose belle che ci sono nella mia famiglia d’origine e in quella del mio coniuge; quel filo d’oro che è presente in qualunque famiglia.

 

Fonte: Libro Grazie perchè ci sei grazie per come sei – Comunità di Caresto – Gribaudi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: