Tendenze

Persone scomparse: numeri in crescita

Il dramma dell'immigrazione incide sul numero delle persone scomparse che è in crescita in Italia il 72% sono mionorenni

Persone scomparse: in crescita a causa del dramma dell’immigrazione

E’ stata presentata a febbraio 2018 a Roma al Viminale, la XVIII relazione semestrale sul fenomeno delle persone scomparse,  dal sottosegretario all’Interno Domenico Manzione e dal Commissario straordinario per le persone scomparse uscente Vittorio Piscitelli. Presente anche il nuovo Commissario straordinario Mario Papa.

Le persone scomparse sono 52.990 dal 1974 al 31 dicembre 2017 (9.380 sono italiani e 43.610 stranieri).

È quanto emerge dalla XVIII relazione semestrale. «E’ un dato strutturale in crescita perché legato, nel nostro paese, al dramma dell’immigrazione» ha sottolineato il sottosegretario ricordando che l’ufficio del Commissario straordinario, istituito il 31 luglio 2007, è un modello italiano che opera anche sul fronte internazionale.
Dall’inizio del 2018, 562 persone scomparse si aggiungono al totale di 52.990 ancora da ritrovare in Italia. Il dato inquadra il fenomeno dal 1° gennaio 1974 al 31 dicembre 2017 e testimonia, nonostante i 158.229 ritrovamenti, un fenomeno in aumento anche per l’incidenza dei flussi migratori, con le tante persone straniere che vengono in Italia di passaggio verso altre destinazioni.

Il dato mostra che le persone scomparse sono nella maggior parte dei casi non italiane (82% stranieri, 8719 scomparsi in più nel 2017 rispetto al 2016, rispetto al 18% di italiani); soprattutto minorenni (72%, 7.986 in più nel 2017, solo il 3% sono over 65); in prevalenza uomini (77%, più 7.913 nel 2017 a fronte del 23% di donne, più 1.412).

Tra i minori il 94% sono stranieri non accompagnati, (più 7.748 nel 2017 rispetto al 2016),  il 6% sono italiani. L’esiguo 3% degli scomparsi dai 65 anni in sù evidenzia invece che si tratta di una categoria fragile, quasi sempre persone con alzheimer o patologie neurodegenerative.

fonte: Ministero dell’interno

Rispondi