Gravidanza Malattie Mamme

Perdita di equilibrio? Anche la gravidanza è una possibile causa

Perdita di equilibrio? Anche la gravidanza è una possibile causa, abbiamo sentito la testimonianza di una mamma a cui è stata diagnosticata la Sindrome di Ménière

Ho perso l’uso di un orecchio. Dopo la prima gravidanza sono stata molto male perchè durante il parto mi sono sentita violentata, per la violenza con cui mi hanno seguita ostetriche e ginecologhe, successivamente ho inziato a soffrire di vertigini, non ti dico mio figlio come ha sofferto, ogni tanto io cadevo a terra e lui chiamava soccorso “mamma è caduta“. Sono andata in molti centri specializzati, subito dopo un incidente con la mia macchina, ho iniziato a non sentire più, ho rifatto i controlli, sono stata dai più bravi otorini italiani, e tutti mi parlano di questa Sindrome di Méniére della quale non si ha una chiara idea, la mia impressione è quella che non sappiano realmente quale sia la diagnosi esatta e mi licenziano assegnandomi questa Sindrome proprio perchè non ne capiscono la provenienza,  intanto ho perso completamente l’uso di un orecchio. Sto rivedendo completamente il mio stile di vita, viaggiavo molto per lavoro, adesso mi sono dovuta fermare e inoltre sto lavorando molto sull’alimentazione”

Che cos’è la perdita di equilibrio? Si tratta di una sensazione di movimento anche se la persona rimane ferma, le cosiddette vertigini, oppure quando la persona è in movimento e non riesce a mantenere una determinata postura.

Cause e fattori di rischio da www.medicinaonline.co

Tra le cause ed i fattori di rischio della perdita di equilibrio, ci sono varie condizioni e patologie, tra cui:

  • sforzi fisici particolarmente intensi, specie in soggetti non allenati;
  • infezioni dell’orecchio interno;
  • infiammazioni dell’orecchio interno;
  • vertigini (normali se il soggetto è in posti molto elevati e non è abituato ad essi);
  • mal di mare;
  • cambiamento della pressione atmosferica;
  • influenza;
  • ipoglicemia (calo di glucosio nel sangue);
  • neurinoma dell’acustico;
  • trauma cranico;
  • emorragia grave;
  • tumori cerebrali;
  • malnutrizione per difetto;
  • anemia;
  • Sindrome di Ménière;
  • ipotensione arteriosa;
  • ipotensione ortostatica;
  • ipertensione arteriosa;
  • assunzione di alcuni farmaci;
  • artrite;
  • labirintite;
  • otite;
  • attacco ischemico transitorio (TIA);
  • ictus cerebrale;
  • infarto del miocardio;
  • intossicazione da monossido di carbonio;
  • gravidanza;
  • età avanzata.

Sintomi associati alla perdita d’equilibrio

In base alla patologia a monte che l’ha determinata, la perdita di equilibrio può associarsi anche a vari segni e sintomi, tra cui:

  • mal di testa;
  • palpitazioni;
  • difficoltà di concentrazione;
  • nausea;
  • vomito;
  • difficoltà motorie;
  • ansia;
  • tremori;
  • depressione;
  • insonnia;
  • appannamento della vista;
  • diarrea;
  • astenia (stanchezza);
  • facile affaticamento;
  • variazioni della frequenza cardiaca (tachicardia o bradicardia);
  • variazioni della frequenza respiratoria (tachipnea o bradipnea);
  • difficoltà respiratorie (dispnea);
  • aritmie di varia natura;
  • cianosi (colore bluastro della cute);
  • pallore (colore biancastro della cute);
  • perdita di coscienza;
  • variazioni della pressione sanguigna (ipertensione arteriosa o ipotensione);
  • segni di infarto del miocardio (dolore toracico irradiato al braccio sinistro, sudorazione, svenimento, mancanza di forze…);
  • segni di TIA o ictus cerebrale (difficoltà motorie, sensitive, di concentrazione, svenimento, dolore trafittivo alla testa…).

 

Rispondi