Attività Gravidanza

Movimento in acqua: quali i benefici?

Movimento in acqua: quali i benefici?

L’acqua è l’elemento senza il quale non potremmo vivere, l’elemento femminile per eccellenza che vince su tutto perché si adatta a tutto. Sono sempre stata attratta dall’acqua, fin da piccola mia madre mi racconta che andavo alla ricerca di secchi pieni d’acqua e passavo le ore a giocarci, immergendovi la testa alcune volte, d’altronde l’embriologia ci insegna che proveniamo dall’acqua, siamo cresciuti in un liquido. Per nove mesi siamo costantemente cullati e massaggiati dal caldo fluido amniotico, e il nostro corpo questo non lo dimentica. Forse per questo motivo dopo la mia laurea in fisioterapia ho sentito la necessità di utilizzare l’acqua come strumento riabilitativo. Ho deciso di frequentare un corso di acquaticità in gravidanza e dopo aver scoperto i numerosi benefici che il movimento in acqua può dare, sono entrata nel mondo dell’idrokinesiterapia, ho deciso di frequentare il master presso l’università di Pisa, scoprendo l’ANIK (associazione nazionale idrokinesiterapisti) e il metodo ASP e di li mi si è aperto un mondo. Viviamo in un tempo in cui il corpo è “pura apparenza”. Siamo generalmente molto mentali. Quotidianamente usiamo il nostro corpo in maniera limitata. Passiamo troppo tempo seduti. Non ci pieghiamo più in avanti per lavorare e non ci accovacciamo quando aspettiamo o parliamo con i nostri familiari o amici. E’ un’enorme soddisfazione per me far connettere i mie pazienti con il proprio corpo, rilassarsi e sbloccarsi, grazie al movimento in acqua.

Quando si parla di idrokinesiterapia non si può pensare di “bagnare” le consuete tecniche riabilitative svolte a “secco”, in quanto l’apparato osteo-mio-articolare e quello neurologico si comportano in acqua in modo diverso rispetto a quando il paziente si trova a terra (in presenza di gravità).
In acqua si ha la sensazione di essere coccolati e non “aggrediti”, si lavora in globalità ovvero si ha la possibilità di intervenire su più aree terapeutiche simultaneamente, ad esempio sul dolore, sulla propriocettività, sul recupero articolare (ROM) e sul deficit di forza con semplici varianti nella modalità di esecuzione da parte del fisioterapista o del paziente o richieste al paziente stesso.

Una delle mie passioni più grandi è seguire le donne durante la loro gravidanza in acqua, aiutarle a connettersi con il loro corpo, generalmente in questo periodo della loro vita, le donne cominciano a portare maggiormente attenzione al loro corpo per preparasi meglio ed aumentare le loro potenzialità.

Partorire è una delle esperienze più sfidanti delle vita. Una donna utilizza tutta la sua forza e potere e va in luoghi dove non avrebbe mai pensato prima. Durante il periodo della gravidanza, il bambino è come un registratore acceso, sul quale viene inciso tutto ciò che la madre compie, pensa e sente in modo consapevole e non. Quindi, tutto ciò che riesce a dare alla madre benessere, serenità ed equilibrio, andrà sicuramente a vantaggio anche del nascituro.
L’immersione in acqua offre al feto migliori scambi placentari, garantiti dal miglioramento della respirazione, della circolazione sanguigna e dell’attività metabolica della madre. Il feto vive gli stati emozionali positivi della donna in acqua (calma, serenità, armonia…), il che contribuisce al suo benessere psico-fisico e alla formazione di un carattere equilibrato e rilassato.
La letteratura scientifica ci conferma sempre più l’importanza della qualità della vita intrauterina per il feto come “primo mattone” nella costituzione del suo carattere ancor prima che nasca. L’ambiente acquatico migliora la comunicazione con il bimbo e la percezione dei suoi movimenti e stati d’animo; vivere lo stesso ambiente acquatico permette alla madre di entrare in sintonia con lui e, se capace di ascoltare, le fornisce le informazioni utili a conoscere e capire suo figlio.

L’immersione in acqua attiva in pochi minuti alcune modificazioni all’apparato muscolare, circolatorio, nervoso ed endocrino; provoca un’aumento delle endorfine con effetto antalgico e rilassante, trasmette serenità e aiuta a produrre energia positiva.

empire_sport_center_corsi_pre_parto_altamura_5aristocraticanews

Oggi presso l’Empire Sport Center le attività in acqua sono ancora più sicure grazie alla presenza dell’ozono, un disinfettante e ossidante più potente rispetto al cloro.
Non irrita la pelle, gli occhi, i capelli né le narici.
Migliora le capacità del nuotatore.
Migliora la circolazione sanguigna.
Ossigena i muscoli.

Scoprire tutto questo ha cambiato principalmente il mio modo di lavorare e di vivere la vita, lavoro tutti i giorni in acqua con donne di tutte le età, bambini che con la forza di gravità faticano a sentirsi liberi di scorazzare grazie al movimento in acqua si sentono liberi, l’emozione più grande è sentire il loro cuore che batte sulle mie mani e vedere i loro occhi pieni di gioia, non riescono ad esprimersi con le parole ma il loro volto dice molto di più. Sono entusiasta e soddisfatta del mio lavoro.

Mary Indrio

 

Rispondi