Aristocratica Bambini Scuola

“Mettete le telecamere nelle scuole per far vedere l’amore”: il messaggio di una maestra

“Mettete le telecamere nelle scuole per far vedere l’amore”: il messaggio di una maestra

La cronaca porta alla ribalta ripetutamente storie di asili, strutture pubbliche o private, in cui le maestre sono la causa di vessazioni e violenze nei confronti dei bambini.

 

Quali sono i motivi che spingono i maestri a comportarsi in maniera violenta a carico dei bimbi?

La frustrazione, la scelta di un lavoro che non è la propria passione, la stanchezza perchè si è nell’età del pensionamento, oppure problemi psichiatrici non diagnosticati, per questo e per tanto altro ci sono maestri che fanno del loro posto di lavoro un luogo di maltrattamenti. Solitamente le piccole vittime indifese sono i bambini nell’età della scuola dell’infanzia.

Diffilmente un bambino nella fascia d’età tra 3 e 5 anni ha la consapevolenzza di quello che è giusto e quello che è sbagliato ed è improbabile che abbia già acquisito la capacità di difendersi, di raccontare e denunciare maltrattamenti subiti. Quando poi si tratta di bambini diversamente abili si apre un altro capitolo, l’assistenza è alla base della loro formazione e essere legati con fazzoletti in bocca per non gridare è una vera e propria tortura da campo di concentramento.

Cosa si dovrebbe fare per evitare la violenza a scuola contro i bambini?

Alcuni chiedono a gran voce test psico attidtudinali per i docenti, altri chiedono maggiori controlli, abbiamo scovato la dichiarazione di una maestra che al contrario dei maestri bestia, ama molto il suo lavoro,  Rosy Ventura, lei si leva a gran voce con una sua dichiarazione e raccoglie molto consenso sui social. La maestra dell’amore chiede che siano messe le telecamere in tutte le scuole, di modo da portare alla ribalta anche tutto quello che c’è di positivo nella formazione, perchè ci sono persone come lei che adorano i bambini e a cui piace fare quel lavoro e forse anche per dare una lezione a chi invece di portare avanti un progetto formativo, sostiene un progetto punitivo nei confronti di piccole e innocenti vittime.

La maestra in questione Rosy Ventura ha scritto queste righe molto significative:

METTETE LE TELECAMERE NELLE SCUOLE!
Mettetele sempre e non solo per far vedere
il brutto, il negativo, lo schifo …

Mettetele sempre e fate vedere
l’insegnante che accoglie i bambini
con un abbraccio, un sorriso, una carezza …
o quando si siede accanto al bambino “difficile” per tranquillizzarlo,
senza trascurare nessuno.

Mettetele queste telecamere !
Scoprirete donne e uomini che sorridono nonostante i problemi lasciati fuori;
scoprirete la maestra che per la centesima volta racconta, spiega …
e cerca di tenere il ritmo del più lento.

Troverete chi fa la mamma
mentre accarezza, pulisce nasi gocciolanti, allaccia scarpe, apre bottigliette e merendine, abbottona giacche e sistema sciarpe …
e lo fa sempre con Amore e con quel sorriso che i bambini ricambiano scaldando il cuore.

Troverete uomini e donne non infallibili
ma che Amano la Vita,
soprattutto la più fragile,
e che ogni giorno si sforzano
di rendere bello quel momento così magico
che si chiama Scuola …

che s’inventano strategie
per sfiorare, accarezzare …
senza ferire quelle piccole e meravigliose Vite
che la vita gli ha affidato.

Questa è la Scuola che conosco, che Amo,
e che vorrei far conoscere a tutti.
Mettetele pure queste telecamere !💗

Rispondi