Blogger Donne Mamme

Mamme popolari sui social: Intervista a Francesca Praga in arte Gina Barilla

Mamme popolari sui social: Intervista a Francesca Praga in arte Gina Barilla che ci rivela i suoi piccoli segreti sull’organizzazione familiare

gina_barilla_3aristocraticanews
Abbiamo intervistato Francesca Praga in arte Gina Barilla, tre figli e un marito, si è licenziata per conciliare la sua vita familiare con il lavoro e si è re-inventata mettendo a frutto le sue competenze. Oggi la troviamo su internet con il suo blog www.ginabarilla.it, su vari portali e canali social in cui da consigli alle mamme di tutto il mondo con grande passione. Una donna molto semplice, divertente, affabile e determinata.
Come ti chiami e qual è la tua formazione?
Mi chiamo Francesca, sono laureata in infermieristica e ho un master in management e coordinamento delle professioni sanitarie ma sono, come molte donne, una di quelle persone che si sono dovute re-inventare un lavoro dopo la maternità per conciliare le mie esigenze di madre con quelle di lavoratrice.
Com’è composta la tua famiglia?
Sono mamma di 3 figli di 7, 5 e 2 anni e mezzo: il più grande si chiama Nicolò e frequenta la seconda elementare, poi c’è Giacomo, che è all’ultimo anno di scuola materna e infine Margherita, la piccola di casa.. ma anche la più paperina! Mio marito è un infermiere e quando non lavora.. corre, nel vero senso della parola: è appassionato di ultra maratone di montagna e per poter fare quelle gare, ci vuole molta costanza nell’allenamento. A farmi compagnia, quando lavoro da casa, c’è Merlino, un gattone di ormai 14 anni.
Dove vivete e Di che cosa ti occupi?
Abitiamo in Lombardia, in quella zona geografica definita “alto milanese”.
Dopo aver lavorato per 10 anni in Terapia Intensiva mi sono licenziata per cercare una conciliazione tra le mie esigenze di mamma e quelle di lavoratrice. Per un periodo ho lavorato come infermiere libero professionista sul territorio, poi piano piano, con la nascita della mia ultima bambina, ho cercato di creare un equilibrio lavorativo che mi permettesse di essere il più flessibile possibile. Oggi scrivo, come digital copywriting per diversi magazine on line, curo il mio blog e i miei canali social e (siccome le energie in noi mamme sono infinte) insegno yoga in gravidanza, yoga in fascia e anche a portare in fascia i propri bambini.
Come riesci a conciliare vita lavorativa, casa e famiglia? Hai dei segreti da rivelare sulla tua organizzazione?
Ci sono giorni in cui mi sento un vero funambolo: gli equilibri a casa nostra sono sempre molto fragili e mantenere tutto sotto controllo è davvero molto difficile. Per tre giorni alla settimana possono contare sull’aiuto della nonna e cerco di mettere tutti gli impegni in quel lasso di tempo. Se ho bisogno di tempo extra, chiedo aiuto agli altri nonni o, in alternativa a mio marito. Spesso mi trovo a fare parte del mio lavoro di notte, mentre tutti dormono.
Non è facile ma la collaborazione e il poter contare sugli altri è un pò il segreto per la buona riuscita di tutto!
Per quanto riguarda la casa, devo dire che responsabilizzo molto i miei figli: mettiamo a posto le cose insieme, dò loro piccoli compiti compatibili con l’età e li sprono a prendersi cura gli uni degli altri (ad esempio la sera si lavano e mettono in pigiama da soli, finché tutti non sono pronti, nessuno può guardare i cartoni. Questo vuol dire che se non collaborano, ci perdono tutti. Idem quando siamo in giro: si va tutti insieme, se qualcuno rimane indietro lo si aspetta).
Come ti vedi tra vent’anni? 
Spero più riposata di oggi!
Scherzi a parte non lo so.. faccio dei lavori che in qualche modo sono “emergenti” e che funzionano bene in questo momento, per me ma non so se tra vent’anni andranno ancora bene o esisteranno ancora. Di sicuro, in questi anni, ho dimostrato di avere una buona capacità di adattamento e spero che questa cosa mi aiuti, giorno dopo giorno, a crescere e a costruire sempre una reale lavorativa che si adatti al meglio ai miei bisogni e a quelli della mia famiglia.
seguiteci su instagram e su facebook

Rispondi