Aristocratica Donne

Mamme, donne, professioniste insieme per costruire nuovi modelli educativi

Mamme, donne, professioniste insieme per costruire nuovi modelli educativi: “la modalità di accudimento si trasmette di generazione in generazione”.

Un evento delle donne per le donne e nell’aria c’era un’atmosfera sensazionale, un incontro per genitori ed educatori della scuola dell’infanzia, dal titolo “Mamma portami via con te” del sei aprile scorso in cui sono intervenute la fiorentina Alessandra Bortolotto, psicologa perinatale autrice del best seller “Poi la mamma torna” e l’altamurana Gabriella Falcicchio pedagogista e ricercatrice dell’Università di Bari e coautrice del libro “Il primo sguardo“.

L’evento organizzato dall’associazione Lo Scrigno, presieduta dalle avvocate Mariapia Basile e Nicoletta Princigalli e l’ostetrica Monica De Santis, con la collaborazione di Kirikù, Feltrinelli Point, Yoga Bimbi, la Bacchetta Magica,  la Farmacia Grassano e SunriseFoto Studio, ha suscitato un forte fermento, creatività, cultura, professionalità e tanta maternità, in una cornice pregna di storia, che ha incantato tutti i presenti.

La storia della stampa dell’Antica Tipografia Portoghese, museo sapientemente custodito da Francesca Portoghese, e la contemporaneità delle opere d’arte fotografica di Francesca Zaccaria, a ritrarre la bellezza della maternità, hanno introdotto gli ospiti, donne, uomini, educatori e bambini in un museo della cultura fruibile in ogni istante della serata.

 

Al centro del libro della Bortolotti il concetto di “distacco”, nella sua esposizione ha spiegato come la costruzione di “una comunicazione non violenta tra genitori e bambini può evitare di generare culture della violenza“; la Falcicchio ha più volte ironizzato su alcuni modelli culturali ed educativi da cambiare, chiedendo ai genitori di riappropriarsi del loro ruolo e non di sottrarsi alla relazione con i propri figli: “il codice genetico cambia secondo l’ambiente in cui si cresce“.

Una esperienza sensoriale intrisa di molti spunti, dati anche dagli interventi dei presenti. Donne nobili di cuore e ferventi di passione per la loro professione unite nel loro essere mamme. Le donne sono questo, chiedono aiuto, lo danno e vogliono esserci nel loro ruolo di donne madri e professioniste. La Princigalli ha detto: “con questa associazione ci piace sostenere le mamme creando momenti di confronto e sotegno tra di loro.”

La Presidente dell’associazione Mariapia Basile a corredo della serata: “Abbiamo vissuto un momento magico: la condivisione delle emozioni più profonde di noi adulti. Pensavamo di parlare delle emozioni dei bambini, ma la verità è che la genitorialità smuove il nostro vissuto, porta a galla le esperienze vissute durante la nostra infanzia. La modalità di accudimento si trasmette di generazione in generazione. Per questo può essere difficile accettare la dipendenza e i bisogni affettivi dei nostri figli se non ci è stato concesso di provarli, se a nostra volta non ci siamo sentiti accuditi. Tocca a noi rompere lo schema e provare a migliorare. Lo dobbiamo ai nostri figli ma anche ai figli dei nostri figli.

L’associazione Lo Scrigno fa parte della rete MAMI, Movimento allattamento Materno Italiano, e tra gli appuntamenti utili, l’ostetrica De Santis ha ricordato che ogni secondo giovedì del mese è attivo lo sportello dell’allattamento presso la Farmacia Grassano di Altamura.

 

 

 

Rispondi