Attività Bambini Ragazzi Sociale

Jams: la serie che spiega ai ragazzi cosa sono le molestie

Jams: la serie che spiega ai ragazzi cosa sono le molestie

Da lunedì 11 marzo su Rai Gulp la prima serie che parla ai ragazzi di molestie sui minori e indica la strada ai ragazzi su come poter reagire. La serie si chiama Jams l’acronimo dei nomi dei protagonisti Joy, Alice, Max e Stefan ed è la prima serie in Europa che affronta il tema delle molestie sui minori. Prodotta da Rai Ragazzi e stand by me con la consulenza dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù.

Una serie di Simona Ercolani scritta da Angelo Pastore, Mariano Di Nardo e Josella Porto con la Regia di Alessandro Celli.

Il progetto è nato con l’obiettivo di insegnare ai ragazzi a decifrare i comportamenti ambigui degli adulti, a non farsi manipolare, a riconoscere i rischi e soprattutto a parlare superando la paura e la vergogna. L’approccio utilizzato è educativo i ragazzi, potendosi riconoscere nel linguaggio utilizzato, saranno in grado di apprendere più velocemente il messaggio veicolato. Per la delicatezza del tema trattato il team creativo è stato affiancato fin dalla fase di sviluppo dalla consulenza scientifica dell’equipe di neuropsichiatria infantile dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, che ha seguito il lavoro in fase di scrittura e di ripresa.

Joy, Alice, Max e Stefano sono quattro amici, quattro ragazzi che frequentano la prima media come tanti altri, che vivono le esperienze tipiche della loro età, come i primi amori, l’amicizia e la scuola. E non solo: partecipano anche ad un contest di cucina organizzato dalla scuola. Tutto sembra andare nel migliore dei modi, ma un’ombra si allunga sulla loro spensieratezza: la solare Joy sarà vittima di molestie da parte di un vicino di casa, amico di famiglia.

Sarà proprio la forte amicizia che lega i protagonisti a far scattare l’allarme di fronte agli strani comportamenti di Joy e a spingere Alice a chiedere aiuto alla sua mamma. Lo scopo della serie è appunto quello di spingere i ragazzi a parlare con i genitori o con un adulto di fiducia, in caso di comportamenti non corretti di altri adulti.

L’intervista all’equipe di neuropsichiatria infantile che ha seguito il lavoro

 

L’intervista ai protagonisti di Jams

 

 

Rispondi