Emergenza salute mentale tra i ragazzi:”I miei figli stanno tutta la giornata a letto con il cellulare”

E’ a rischio la salute mentale dei nostri ragazzi”, sempre più ragazzi depressi e senza motivazione, i genitori non sanno più che cosa inventarsi, forse le istituzioni dovrebbero farsi carico della salute mentale di genitori e figli.”

Si sta parlando tanto di salute ma alla salute mentale nessun cenno. Il bombardamento mediatico e le decisioni politiche stanno producendo grossi cambiamenti negli stili di vita, cambiamenti forzati a cui non tutti riescono facilmente ad adattarsi. Probabilmente a sostegno di questo cambiamento bisognerebbe attivare una rete di sostegno psicologico e psichiatrico per la cura delle esigenze familiari. Ragazzi buttati nelle loro stanze e genitori sbattuti tra lavoro, cambiamenti da dpcm e problemi familiari di vario genere, una situazione proccupante che sfocia in violenze, maltrattamenti e nei casi più gravi anche in omicidi.

Noi come Rivista per le Mamme nei primi giorni dell’anno abbiamo ricevuto alcune richieste di aiuto per maltrattamenti, problemi in famiglia e dipendenza da telefonino.

Vi saranno noti i video del capodanno a Taranto in cui un minore spara dalla finestra e altri ragazzi gettano un frigorifero dal balcone. La schizzofrenica tendenza decisionale “apro o chiudo”, sta rendendo il Paese e le persone che vi abitano altrettanto schizzofreniche. E se considerate le fasce più deboli come i bambini e gli adolescenti, quelli si stanno ammalando prima di prendere il covid, ed è a rischio la loro salute mentale. In questo momento sono caricati completamente sui genitori e nella maggior parte dei casi alle madri o ai padri che non lavorano.

Alcune scuole stanno attivando lo sportello dello psicologo, infatti l’ordine degli psicologi sta provvedendo con i bandi, ma forse non basta, bisognerebbe attivare sportelli per lo psicologo di base a cui chiuque potrebbe accedere come fa con il medico di base.

Le scuole devono riaprire altrimenti avremo solo ragazzi depressi” “I miei figli stanno sotto le coperte e guardano continuamente il cellulare, non sanno nemmeno che cos’è la vita sociale, la pandemia è iniziata a febbraio del primo anno di superiori e sono andati in didattica a distanza e sta continuando per tutto il secondo anno, non sanno che cosa significa socialità, il liceo scientifico di Altamura ha attivato lo sportello dello psicologo e penso sia utilissimo per trattare la situazione, che sta diventando sempre più grave per i giovani e per noi, (genitori) proprio da un punto di vista psicologico

Mia figlia sta sempre al tablet, tik tok, sta sempre seduta a vedere i video e a scriversi su watzapp con le amiche di classe, non fa niente, non si cura, non si veste, sempre in pigiama e poi si sposta al frigorifero, mangia a tutte le ore, si preprara un panino anche poco prima di pranzo

La riapertura delle scuole in sicurezza si rende necessaria perchè i giovani possano riprendere a svolgere in parte la loro vita. “Se non riaprono le scuole la situazione non migliora nemmeno per i genitori“.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: