Cronaca

Domenico Angelastro: il ricordo commovente di sua sorella

Le giornate non sono semplici per le famiglie delle due povere vittime di quel brutto incidente in cui qualche giorno fa hanno perso la vita i due giovani ragazzi con la passione per i cavalli, sulla strada che collega Gravina e Altamura.

Sui social compaiono molte foto e video a testimonianza dell’amore dei familiare e degli amici nei confronti di questi due ragazzi.

Vogliamo per questo condividere con voi il post scritto dalla sorella maggiore di Domenico Angelastro, Tiziana, una dichiarazione d’amore per suo fratello scomparso.

La vita quest’anno ha lasciato una cicatrice profonda dentro di me mi ha strappato via la parte più bella che una sorella potesse desiderare dalla vita: un fratello minore. Ricordo ancora quando io e Ivana ascoltavano il tuo battito dal pancione di mamma, quanto ti desideravo; quando facevamo lite per chi doveva tenerti in braccio per coccolarti; quando arrivava Natale e dovevamo metterci in posa tutte e tre per farci la foto con il tuo cavalluccio di legno a cui eri tanto affezionato; quando ci affrettavamo per le cartolerie per trovare il regalo di Natale; quando riempivi lo zainetto dell’asilo con tutti gli animaletti altrimenti non andavi; quando vedavamo per tutto il pomeriggio Spirit cavallo selvaggio e mettevi pausa per disegnare su un foglio il cavallo; quando la domenica leggevi con papà tutte le razze dei cavalli sul libro rosso e poi correvi a prepararti per andare a cavallo, mi manca tanto guardati dalla staccionata mentre saltavi gli ostacoli con la nostra cavalla Rosy, mi manca quando mi facevi salire sul cavallo e mi insegnavi come dovevo tenere le redini e mi dicevi di non aver paura altrimenti il cavallo lo percepiva, mi dicevi che dovevo essere in sintonia con il mio corpo per dargli i comandi per andare a galoppo o a trotto, mi dicevi che ero bella a cavallo, mi guardavi con i tuoi occhi orgogliosi, anche se ero consapevole che non ero alla tua altezza, quanto mi manchi alla sorellina come faccio ora? Non potrò baciarti, coccolarti, toccare quelle mani possenti che mi facevano sentire al sicuro, le nostre litigate per la musica napoletana mentre ti preparavi per andare a scuola o prima di uscire… le ore in bagno, le attese infinite perché la tua percezione del tempo è sempre stata differente dalla mia. Mi mancherà guardarti mentre mangiavi piatti e piatti di tiramisù, prepararti la carbonara o qualunque piatto, E poi mi chiedevi “amore come l’hai preparato?”…E io ti rispondevo che era un segreto perché volevo che io fossi l’unica a prepararteli; mi manca il tuo sguardo da fratello innamorato davanti allo specchio mentre mi preparavo per uscire, Perché io e Ivana eravamo i tuoi grandi amori insieme a mamma. Tu facevi rumore nelle nostre vite eravamo sempre lì a sostenerti a credere nelle tue capacità perché tu meritavi il meglio.
Ti amo follemente sei un esempio di vita…sei il nostro uragano di forza anche se non potrò abbracciarti e sentirmi dire oggi “auguri sorellina che dolce prepari ” io farò in modo di farti vivere nelle nostre vite in qualsiasi modo,
Perché io senza di te non posso vivere.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: