Bambini Ragazzi

Come educare i figli? Ponendo limiti

Il neuropsicologo Alvaro Bilbao nel suo libro "Il cervello del bambino spiegato ai genitori" garantisce a qualunque genitore o educatore che i limiti sono fondamentali nell'educazione del cervello, perchè esiste una parte del cervello dedicata esclusivamente a fissare limiti, a farli valere e ad aiutare le persone a sopportare la frustrazione che comporta rispettarli.

Come educare il bambino ai limiti? Le sei regole che ci aiutano a porre limiti

“I bambini di oggi più che di amore, hanno bisogno di limiti”

I limiti sono un tema controverso nell’educazione. Ci sono correnti pedagogiche e genitori di tutto il mondo decisi a ridurre al minimo limiti e regole.

I primi a non accettare le regole sono proprio i bambini.

Tuttavia evitare le regole o limitarle è un grave errore.

Il neuropsicologo Alvaro Bilbao nel suo libro “Il cervello del bambino spiegato ai genitori” garantisce a qualunque genitore o educatore che i limiti sono fondamentali nell’educazione del cervello, perchè esiste una parte del cervello dedicata esclusivamente a fissare limiti, a farli valere e ad aiutare le persone a sopportare la frustrazione che comporta rispettarli. “Anzi, quest’area del cervello, detta pre frontale è la più importante per raggiungere la felicità.” scrive il neuropsicologo. “In ambito educativo, i limiti sono una chiave fondamentale. I bambini di oggi più che di amore o affetto, hanno bisogno di limiti. Perfino un disturbo dell’attenzione è in gran parte provocato dall’assenza di limiti. E’ importante che il cervello del bambino sappia interiorizzare e rispettare i limiti.”

Come educare il bambino ai limiti? Bisogna essere sicuri che quello che si sta facendo è la cosa giusta per il figlio, non si deve tentennare nè avere remore.

Più ci si dimostra sicuri, chiari e tranquilli nel dire “no”, più facile sarà per il figlio capirlo.

Bisognerà porre una regola e fare in modo che tutti la rispettino, per primi i genitori, ad esempio se si decide che la televisione deve essere vista solo per due ore, al termine della seconda ora i genitore devono spegnerla e trovare un’alternativa di intrattenimento per i propri figli, e non aspettare che passino le due, tre, quattro ore e poi a piacimento applicare o meno il limite.

Come educare il bambino ai limiti? Le sei regole che ci aiutano a porre limiti ai bambini:

  1. Evitare il prima possibile che il bambino attui atteggiamenti negativi, intervenire con i limiti tempestivamente;
  2. Essere coerenti, i genitori devono mettere in campo gli stessi comportamenti e devono essere d’accordo sull’azione da mettere in campo;
  3. Non si deve mai smettere, bisogna ripetere ogni volta lo stesso limite per mantenere credibile lo stesso agli occhi del bambino e per permettere di assimilarlo;
  4. Porre le regole con tranquillità, senza stati d’ansia e agitazioni, ma serenamente;
  5. Bisogna fare in modo che il bambino abbia fiducia nel genitore che sta impostando il limiti;
  6. Il limite deve essere imposto con affetto, senza torture, accuse e nervosismi.

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: