Aristocratica News

la rivista delle mamme

Alcune funzioni cognitive migliorano con l’età?

  • Gli scienziati generalmente credono che le funzioni cognitive, compresa l’attenzione, la funzione esecutiva e le capacità di ragionamento, diminuiscano con l’età .
  • Un nuovo studio sfida questa convinzione e suggerisce che l’orientamento e il funzionamento esecutivo migliorano con l’età .
  • I ricercatori suggeriscono che allenare il cervello può aiutare a migliorare la funzione cognitiva.

Per anni, la maggior parte delle ricerche ha indicato che gli anziani sperimentano un declino generale del funzionamento del cervello. Tuttavia, un nuovo studio osservazionale, che appare in Natura Comportamento Umano, suggerisce che potrebbe non essere vero.

Gli autori dello studio hanno scoperto che invece di vedere un declino in tutte le funzioni cognitive, gli anziani hanno invece dimostrato miglioramenti in alcuni domini.

Gli autori dello studio hanno scoperto che invece di vedere un declino in tutte le funzioni cognitive, gli anziani hanno invece dimostrato miglioramenti in alcuni domini.

Funzionamento cognitivo

Secondo l’ American Psychological Association , il funzionamento cognitivo si riferisce alla “prestazione dei processi mentali di percezione, apprendimento, memoria, comprensione, consapevolezza, ragionamento, giudizio, intuizione e linguaggio”.

Il funzionamento cognitivo include le funzioni esecutive, come il pensiero flessibile, la memoria di lavoro e l’autocontrollo. Le persone con condizioni neurologiche, come il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), possono sperimentare deficit in queste funzioni.

Gli autori dello studio hanno descritto la funzione esecutiva come:

“L’insieme critico di processi che ci consente di concentrarci su aspetti selettivi delle informazioni in modo mirato, ignorando le informazioni irrilevanti. Questo insieme di funzioni è cruciale per la vita quotidiana e supporta numerose capacità cognitive di livello superiore”.

I ricercatori hanno a lungo pensato che c’è un punto in cui le persone smettono di fare progressi nel funzionamento cognitivo e iniziano a sperimentare un declino.

In particolare, alcuni esperti considerano la memoria una delle funzioni cerebrali più colpite negli anziani. Ad esempio, l’autore di una recensione cartaFonte attendibile sull’impatto dell’età sulla cognizione scrive:

“I cambiamenti più evidenti nell’attenzione che si verificano con l’età sono il calo delle prestazioni su compiti attentivi complessi, come l’attenzione selettiva o divisa”.

Studio sulle abilità di funzionamento 

L’ultimo studio dipinge un quadro meno negativo rispetto ad altri studi. La nuova ricerca mostra che gli anziani possono migliorare in alcune aree.

“Le persone hanno ampiamente ipotizzato che l’attenzione e le funzioni esecutive diminuiscano con l’età, nonostante i suggerimenti intriganti di alcuni studi su scala più piccola che hanno sollevato dubbi su questi presupposti”, afferma l’autore senior dello studio, il dott. Michael T. Ullman.

Il Dr. Ullman è professore presso il Dipartimento di Neuroscienze e direttore del Brain and Language Lab del Georgetown University Medical Center a Washington, DC

I ricercatori hanno studiato 702 partecipanti di età compresa tra 58 e 98 anni. Hanno testato i partecipanti per le seguenti tre funzioni cognitive:

  • avviso
  • orientarsi
  • inibizione esecutiva

L’autore del primo studio, il dott. João Veríssimo, professore assistente presso l’Università di Lisbona, in Portogallo, descrive come funzionano questi tre processi.

“Utilizziamo costantemente tutti e tre i processi”, spiega il dott. Veríssimo. “Ad esempio, quando guidi un’auto, l’avviso è la tua maggiore preparazione quando ti avvicini a un incrocio. L’orientamento si verifica quando sposti la tua attenzione su un movimento inaspettato, come un pedone. E la funzione esecutiva ti consente di inibire le distrazioni, come uccelli o cartelloni pubblicitari, così puoi rimanere concentrato sulla guida”.

I ricercatori hanno testato il funzionamento dei partecipanti utilizzando l’Attention Network Test (ANT) basato su computer. L’ANT verifica quanto bene i partecipanti possono rispondere allo stimolo target mostrato sullo schermo del computer.

Gli autori dello studio affermano che l’ANT “misura simultaneamente l’efficienza di tutte e tre le reti”.

Mentre studi precedenti pensavano che tutti e tre i processi diminuissero con l’età, i ricercatori hanno scoperto che solo le capacità di allerta diminuivano. Gli altri due processi, l’orientamento e l’inibizione esecutiva, sono migliorati.

“Questi risultati sono sorprendenti e hanno importanti conseguenze su come dovremmo considerare l’invecchiamento”, afferma il dott. Ullman. “Ma i risultati del nostro ampio studio indicano che gli elementi critici di queste abilità migliorano effettivamente durante l’invecchiamento, probabilmente perché semplicemente pratichiamo queste abilità per tutta la vita”.

Migliorare il funzionamento cognitivo

Mentre lo studio mostra che i processi di orientamento ed esecutivi possono migliorare con l’età, è possibile contribuire a migliorare ulteriormente le capacità cognitive con determinate attività.

Sebbene l’attuale studio non abbia cercato di identificare come potremmo migliorare il funzionamento cognitivo, parlando con Medical News Today , l’autore dello studio, il dott. João Veríssimo, ha offerto alcuni consigli:

“Suggerirei che è più probabile che le capacità cognitive possano essere migliorate attraverso l’impegno con attività multiple e diverse “.

“Insieme, possono rafforzare una serie di abilità generali – forse attività come l’apprendimento di una seconda lingua, uno strumento musicale, la frequenza di corsi, l’interazione sociale – oltre a qualsiasi pratica mirata per funzioni specifiche”.

Tuttavia, ha anche chiarito che sebbene “tali interventi siano promettenti”, sono necessari più dati.

Parlando con MNT su un argomento simile, il Dr. Ullman ha fatto eco ai sentimenti e alla cautela del Dr. Veríssimo:

“L’evidenza suggerisce che si può effettivamente essere in grado di addestrare ulteriormente la funzione inibitoria esecutiva con la pratica, ad esempio con app o programmi online, anche se non è ancora chiaro fino a che punto i miglioramenti si generalizzino ampiamente al di là di ciò che è stato addestrato nei programmi”.

Ha continuato: “Quindi, è plausibile ma incerto se si possa essere in grado di migliorare intenzionalmente la funzione inibitoria esecutiva nell’invecchiamento attraverso una pratica mirata”.

Gli scienziati dovranno condurre ulteriori ricerche per capire esattamente quali attività ci aiuteranno a far funzionare al meglio il nostro cervello nel corso degli anni.

fonte: medicalnewstoday.com

Contattaci su Whatsapp
Invia
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: